• Ci troviamo ad
    Agropoli (SA)
  • Puoi contattarci
    allo 0974.828299

I nostri servizi

Visite Specialistiche

Il Centro Medico Santi Pietro e Paolo è in grado di soddisfare le piu diverse esigenze specialistiche.

Il nostro Centro, infatti, grazie alla presenza di uno staff medico di qualità, è un centro sanitario privato di eccelenza autorizzato dalle Regione Campania.

 

  • Nutrizionista
  • Gastrointerologia
  • Oculistica
  • Otorinolaringoiatra
  • Fisiatria
  • Diabetologia
Fisioterapia

Il Centro Medico Santi Pietro e Paolo garantisce prestazioni di terapia fisica e strumentale e riabilitazione con una completa offerta di trattamenti professionali grazie a strutture tecnologiche versatili e all'avanguardia.

 

TERAPIA MANUALE

  • Riabilitazione neuromotoria
  • Riabilitazzione motoria in ortopedia e traumatologia  (post intervento)
  • Trattamenti facciali e mio-facciali
  • Riabilitazione dello sportivo
  • Riabilitazione posturale e globale individuale (mezieres)
  • Kinesiterapia attiva e passiva
  • Trattamento delle affezioni dolorose acute croniche (cervicalgia, lombalgia, lombosciatalgia) e degenerative (artrosi- artrite)
  • Masso terapia
  • Linfodrenaggio
  • Ginnastica propriocettiva
  • Rieducazione ATM
  • Osteopatia

 

TERAPIE STRUMENTALE

  • Tecarterapia
  • Laserterapia CO2 (YAG)
  • Magnetoterapia
  • Elettroterapia: antalgica (tens, correnti interferenziali e    dinamiche), ionioforesi, elettrostimolazione
Diagnostica: ecografia

L'ecografia è una metodica diagnostica non invasiva che utilizza ultrasuoni (onde sonore), pertanto costituisce uno dei primi approcci allo studio del corpo umano.

 

  • Ecografia tiroide con ecocolor Doppler. Ecografia del cute e sottocute (valutazione parete addominale per ernie addominali inguinali e crurali, stazioni linfonodali superficiali).

 

  • Ecocolor Doppler dei tronchi sovraortici.

 

  • Ecocolor Doppler arti inferiori O superiori, arterioso O venoso.

 

  • Ecocolor Doppler arti inferiori O superiori, arterioso + venoso.

 

  • Ecocolor Doppler Aorta addominale

 

  • Ecocolor Doppler Reni e surreni

 

  • Ecografia addome completo

 

  • Ecografia mammaria bilaterale e dei cavi ascellari con studio color Doppler.

 

  • Ecografia addome superiore

 

  • Ecografia fegato e vie bilari

 

  • Ecografia addome addome inferiore - Ecografia vescica e pelvi

 

  • Ecografia delle ghiandole salivari

 

  • Ecografia testicolare con studio Color Doppler

 

  • Ecografia intestinale ultima ansa ileale

 

  • Ecografia muscolo-scheletrica (spalla, caviglia, ginocchio, polso, mano, per lesioni muscolari). 

 

Servizi aggiuntivi

PAGINA IN COSTRUZIONE

News e Attivita'

Consigli per una corretta esposizione della pelle al sole estivo

PER PRENOTARE UNA VISITA DERMATOLOGICA COL DOTT. GIUSEPPE BORTONE, TELEFONA AL NUMERO 0974 828299 OPPURE VISITA LA PAGINA CONTATTI

Consigli del dermatologo per una corretta esposizione

Il sole è un elemento importantissimo per la nostra salute perché permette la fotosintesi della vitamina D, essenziale per una corretta mineralizzazione di ossa e denti, migliora alcune patologie cutanee, come l’eczema e la psoriasi, e agisce anche a livello nervoso fungendo da antidepressivo naturale.

L'esposizione al sole richiede però una protezione adeguata per difendere la nostra pelle dai suoi potenziali effetti dannosi.
Grazie ai melanociti, cellule altamente specializzate presenti nello strato basale dell’epidermide, la nostra pelle è capace di proteggersi naturalmente producendo la melanina, molecola in grado di assorbire buona parte dei raggi UV e responsabile dell’abbronzatura. Tuttavia, questo perfetto meccanismo naturale diventa insufficiente in caso di prolungate esposizioni solari e con il passare degli anni, quando diminuisce il numero dei melanociti attivi in grado di proteggerci.


I raggi UV riescono a penetrare nella cute e raggiungere il derma e possono arrivare a danneggiare il DNA delle cellule. Nella maggior parte dei casi questi danni vengono riparati, oppure portano alla morte delle cellule stesse. A volte, però, possono trasformare qualche cellula in senso canceroso, provocandone una crescita incontrollata.
In più, a lungo andare, il sole causa la degenerazione della elastina e del collagene, le due proteine che danno sostegno ed elasticità alla pelle. Rughe, pieghe d’espressione più visibili, solchi sono causate anche dalla mancanza di collagene indotta dal sole.
Alcuni soggetti sono più sensibili di altri ai raggi solari a causa della loro suscettibilità genetica; questi soggetti presentano capelli rossi, occhi azzurri, lentiggini, pelle chiara con difficoltà ad abbronzarsi e facilità a scottarsi.
Sono stati identificate 5 tipologie (fenotipi) di individui con differente sensibilità agli effetti nocivi delle radiazioni solari:

‭Diversi studi scientifici moderni confermano che vi è una associazione diretta tra esposizione ai raggi solari e rischio di melanoma e che il rischio è maggiore se le scottature sono avvenute durante l’infanzia. Inoltre il rischio aumenta con il numero di scottature avvenute nel corso della vita.
Il melanoma nasce dalla trasformazione tumorale di quelle cellule della cute, i melanociti, che normalmente sono deputate alla difesa della pelle dai raggi UV mediante la produzione del pigmento cutaneo (la melanina) sotto lo stimolo della luce solare.

L’intensità dell’irradiazione solare non è costante, ma aumenta:

  • tra le ore 11 e le 16, quando si concentra il 95% di tutta l’irradiazione;
  • con la stagione (in estate nel nostro emisfero);
  • con l’altitudine (+4% ogni 300 metri);
  • con la latitudine (in Paesi vicini all’equatore);
  • nelle vicinanze di superfici riflettenti (lago-mare +10%; sabbia +10-25%; neve +80%).

Gli errori da evitare per un’abbronzatura con meno rischi :

  1. Evitare le esposizioni eccessive ai raggi solari e le scottature da sole, specialmente nei bambini.
  2. I bambini fino al 6° mese non devono essere esposti al sole e comunque l’esposizione va limitata se il bambino è di fototipo 1 e 2 (con difficoltà ad abbronzarsi o con facilità a scottarsi). Per i bambini è necessario avere una attenzione speciale poiché sembra che siano in particolare le ustioni avute da bambino che possono favorire lo sviluppo del melanoma anche in età adulta.
  3. Evitare le ore più calde della giornata, tra le 11 e le 16, quando è massimo l’irraggiamento e l’intensità dei raggi UVB (più pericolosi, perché penetrano più in profondità e sono responsabili delle ustioni). In questi orari è preferibile indossare magliette, cappellini e occhiali da sole o ripararsi all’ombra.
  4. Esporsi al sole gradualmente, soprattutto se si ha la pelle chiara, utilizzando all’inizio una crema ad alta protezione (tra i 30 e i 50) che blocchi sia i raggi UVB che UVA.
  5. Applicare sempre sulla pelle filtri solari resistenti all’acqua, con idoneo fattore di protezione in base al fototipo individuale, avendo l’accortezza di applicarli su tutta la pelle in modo omogeneo (porre particolare attenzione al naso, agli zigomi, alle labbra, alle orecchie e al contorno degli occhi).
  6. Spalmare la crema sempre almeno 15 minuti prima di esporsi al sole e rinnovare la crema solare ogni due ore, avendo l’accortezza di applicare almeno 2 grammi di prodotto per ogni cm quadrato di cute. La crema va spalmata nuovamente dopo ogni bagno (anche se resistente)

 La naturale fotoprotezione deve essere quindi integrata con prodotti in grado di potenziare i sistemi presenti sulla pelle sia con l’applicazione di cosmetici adeguati, contenenti molecole filtranti, sia per via interna con l’assunzione di alimenti ricchi di antiossidanti, come vitamina C, vitamina E, beta-carotene, licopene e così via.

Convenzionalmente, il metodo di misura della protezione delle creme solari è l’SPF (Sun Protection Factor). Il fattore di protezione solare (SPF) misura la forza del filtro di sole. L’SPF adatto a ciascuna persona dipende dal fototipo cutaneo. Indicativamente, una crema con SPF 15 assorbe il 92 % delle radiazioni UVB e una crema con SPF 40 ne assorbe il 97.5%.

Solari: quali scegliere?
I prodotti solari garantiscono una protezione estesa a tutto il campo dell’ultravioletto e limitano i danni cutanei che possono derivare dall’esposizione ai raggi UVA, responsabili dell’invecchiamento precoce della pelle e dell’insorgenza dei melanomi, e
i raggi UVB , costituiscono il 5% della radiazione ultravioletta che raggiunge la Terra. Hanno molto energia e, sebbene siano bloccati da nuvole e vetro, possono penetrare l'epidermide.  Sono i responsabili dell'abbronzatura, ma anche delle scottature (eritema solare), delle reazioni allergiche e dei tumori della pelle. È quindi importante proteggere la pelle sia dai raggi UVA che dagli UVB.

 

In base al loro meccanismo d’azione, i filtri solari vengono classificati in chimici e fisici, ma va precisato che si tratta in entrambi i casi di sostanze chimiche di origine sintetica.
I filtri chimici, il cui meccanismo di azione è simile a una molla, sono molecole in grado di assorbire parte dell’energia delle radiazioni per poi riemetterla sotto altre forme (vibrazionale, rotazionale, infrarossa). Molti filtri chimici sono però fotoinstabili: nell’esplicare la loro azione protettiva subiscono trasformazioni strutturali che ne alterano le caratteristiche filtranti e la capacità protettiva; possono inoltre dar luogo a processi di degradazione dannosi per la pelle che sono causa, per esempio, delle comuni reazioni di fotosensibilizzazione (eritema).
Grazie alla ricerca, negli ultimi anni sono stati messi a punto nuovi filtri chimici «fotostabili».
In ogni caso non c’è sufficiente esperienza derivante dall’utilizzo di questi nuovi filtri solari e quindi è consigliabile una certa prudenza, soprattutto per i bambini (per i quali, sopra l’anno di età, sono più indicati i prodotti a base di filtri fisici)1.
I filtri fisici, i soli ad essere ammessi nei disciplinari della cosmesi «ecobio», sono molecole di natura inorganica a base di derivati di metalli (ossido di zinco, biossido di titanio) e agiscono come specchi, riflettendo i raggi UV sulla superficie cutanea. Lo svantaggio degli schermi fisici è che rendono il prodotto piuttosto pastoso, difficile da spalmare e da far assorbire, e per questo conferiscono un aspetto «sbiancato» alla cute e un’abbronzatura non uniforme, con zone più o meno pigmentate a seconda di come è stato applicato il prodotto. Per questo oggi la maggior parte dei produttori utilizza ossido di zinco e biossido di titanio in forma micro o nano, che rendono il prodotto trasparente e facilmente spalmabile. Per ovviare all’instabilità delle micro e nano particelle, che a contatto con la radiazione solare generano radicali liberi dannosi per la pelle, queste ultime vengono rivestite con sostanze quali allumina, stearati o dimethicone, rendendo il prodotto non più ecodermocompatibile ed ecosostenibile.


Per questo motivo, AIDECO (Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia), consiglia :

  1. Evitate l’uso di prodotti acquistati la stagione precedente: I solari contengono sostanze, quali filtri e schermi UV, che nel tempo possono alterarsi (anche se fotostabili) e diminuire di conseguenza l’efficacia della protezione solare. È consigliato inoltre evitare di lasciare a lungo il prodotto sotto il sole diretto.

  2. Applicate la crema su tutta la pelle esposta al sole: Il prodotto va applicato su tutte le superfici cutanee esposte ai raggi UV (non dimenticate il padiglione delle orecchie, il retro delle ginocchia, il dorso dei piedi e delle mani); dovrebbe essere utilizzato in quantitativi analoghi a 2 mg/cm2, ovvero per le aree corporee circa pari a 6 cucchiaini da tè. Applicare infatti il prodotto con parsimonia riduce notevolmente il livello di protezione.

  3. Applicate la crema ogni due ore: Applicate il prodotto con frequenza di almeno “ogni due ore”. Il sudore, la sabbia, la salsedine, il contatto con asciugamani e le varie attività da spiaggia favoriscono purtroppo la rimozione del prodotto solare, lasciando così la pelle non protetta. Riapplicatelo, soprattutto dopo aver fatto il bagno o la doccia.

  4. Occhio alle zone delicate: Sulle zone più esposte e delicate come viso, collo e décolleté, utilizzate prodotti con protezione più elevata.
  5. Occhio alle nuvole: La protezione va applicata anche con il brutto tempo (cielo nuvoloso o velato). I raggi UV sono infatti in grado di passare attraverso le nuvole, colpendo così la pelle (non protetta).

  6. Ricordatevi il doposole: Dopo l’esposizione solare è consigliabile l’uso di uno specifico prodotto “dopo sole”, in grado di portare sollievo alla pelle, idratandola, decongestionandola e ristabilendo il corretto film idrolipidico epidermico.
PRESENTAZIONE DOTT. GIUSEPPE BORTONE
Il nostro staff medico si arricchisce con il Dott. Giuseppe Bortone - Dermatologo
 
Nato a Cuccaro Vetere, si Laurea in Medicina-Chirurgia a Firenze e specializza in Dermatologia Venereologia presso l'Università Cattolica Policlinico A.Gemelli Roma.
 
Durante la sua carriera si perfeziona in numerosi ambiti, tra cui

  •  Dermatologia Clinica e Pediatrica
  •  Dermatochirurgia plastica
  •  Dermatoscopia digitale (Epiluminescenza)
  •  Laser terapia
  •  Diatermocoagulazione – Crioterapia
  •  Allergologia
  •  Medicina Estetica
Per maggiori informazioni telefonare al nostro centralino 0974 828299

Ecco il Curriculum del Dott. Bortone, preso dal suo sito personale

Titolo di studio

Diploma di Laurea in Medicina- Chirurgia conseguita il 13/03/'91 presso la Facoltà di Medicina e Chiururgia dell'Universtà di Firenze.

Specializzazione in Dermatologia Venereologia conseguita il 14/10/'95 presso l'Università Cattolica Policlinico A.Gemelli Roma.

 

Lingue conosciute

Inglese parlato e scritto

 

 

 

Attualmente ricopre l'incarico di Aiuto Capo Rep. presso il Reparto di Dermatologia del Policlinico Militare "Celio" di Roma ed esercita la sua professione in numerosi studi privati.

 

Perfezionato in:

 

  • Dermatologia Clinica e Pediatrica;

 

  • Dermatochirurgia plastica;

 

  • Dermatoscopia digitale (Epiluminescenza);

 

  • Laser terapia;

 

  • Diatermocoagulazione – Crioterapia;

 

  • Allergologia:

 

  • Test allergometrici:

 

  • - a lettura immediata (Prick test per inalanti e alimenti);

 

  • - a lettura ritardata (Patch test per sostanze chimiche);

 

  • Medicina Estetica:

 

  • Angiologia (Capillarosclerosi);

 

  • Mesoterapia;

 

  • Biorivitalizzazione fisiologica cutanea:

 

- Microlifting (Impianto di Collagene ed Acido Ialuronico)

 

- Peeling con Acido Glicolico, acido Piruvico e acido Salicilico.

 

Incarichi ricoperti:

 

Frequentatore del 43° Corso Applicativo;

 

Addetto all'Istituto d'Igiene presso la Scuola di Sanità di Firenze;

 

Comandato a prestare servizio presso l' Ospedale Militare di Messina nell'ambito della missione

 

"Vespri Siciliani";

 

Comandato a prestare servizio nel contingente Kfor in Kosovo nell' Operazione

 

"Joint Guardian" per conto dell'ONU;

 

Comandato a prestare servizio nel contingente Role 2+ Operazione "Antica Babilonia" in

 

Iraq; Comandato a prestare servizio nel contingente Role 2+EUFOR

 

TCHAD/RCAOperazione "Nicole" Task Force Ippocrate.

 

Onorificenze

 

- Decorato della Croce d'Argento per anzianità di servizio il 31/10/'01

 

- Insignito della Medaglia di commemorazione per Operazioni di pace in Kosovo

 

- Insignito della Medaglia Nato Operazione "Joint Guardian" per i servizi resi durante le

 

operazioni nel Kosovo

 

- Insignito della Medaglia di commemorazione Nato per Operazioni di pace"Antica

 

Babilonia" Iraq

 

- Insignito della croce commemorativa per attività di soccorso umanitario al di fuori del

 

territorio nazionale in TCHAD / REPUBLICACENTROAFRICANA

 

- Insignito della Medaglia Nato Operazione "ISAF" per i servizi resi durante le

 

Operazioni in TCHAD / REPUBLICA CENTROAFRICANA

 

- Decorato della Croce d'Oro per anzianità di servizio il 20/01/'10

 

Attività didattica:

 

Docente presso la Scuola Medica Ospedaliera di Roma e della regione Lazio anno

 

accademico 1996/1997 del Corso di " Fisioterapia dermatologica" e nell'anno

 

2004/2005 del Corso di " Dermatoscopia";

 

Docente presso la Scuola Infermieri dell'Esercito di Roma nell'anno accademico 1997/1998 del

 

corso di "Dermatologia";

 

Docente presso il Policlinico Militare "Celio" di Roma dei Corsi di Aggiornamento per

 

medici "Terapia Dermatologica con agenti fisici" dal 2001 al 2005 e "Corso di

 

Dermatoscopia" 2004 e 2005.

 

Corsi di aggiornamento scientifico:

 

1. X° International Course on advances in the Basic Sciences applied to Dermatology - Catholic University of the Sacred Heart Rome, 1992;

 

2. Corso Teorico Pratico di Dermatoscopia in Epiluminescenza Roma, 1996;

 

3. Corso di Aggiornamento in Fotodermatologia e Fotoprotezione - Istituto S. Gallicano IRCCS Roma, 1997;

 

4. Dermatologia Chirurgica – Corso Base – Roma, 1997;

 

5. Corso di Aggiornamento sulle Lesioni Pigmamentate Cutanee:

 

- dal 1° al 4° Modulo Roma, 1998 - Istituto Dermopatico dell'Immacolata – IDI;

 

6. Corso di perfezionamento in Dermatologia Pediatrica Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, 1999;

 

7. Corso di Aggiornamento in Allergologia e Dermatologia Chirurgica (Istituto Dermopatico dell'Immacolata – IDI) Roma 2000 - 2001;

 

8. 1° Corso di Aggiornamento in Dermatologia Plastica (ISPLAD) Roma, 2001;

 

9. Corso di Base in tricologia G.I.T.R.I. Roma, 2001;

 

10. Corso Avanzato in tricologia G.I.T.R.I. Roma, 2001;

 

11. Corso di Aggiornamento "Le Ulcere Cutanee" - Istituto Dermopatico dell'Immacolata Roma, 2001;

 

12. II International Symposium on Urticaria Roma, 2001;

 

13. Corso di Aggiornamento in lesioni pigmentate cutanee (Istituto dermopatico dell' Immacolata – IDI) Roma, 2002;

 

14. Simposio sul Melanoma - Istituto dermopatico dell' Immacolata – IDI – IRCCS Roma, 2002;

 

15. Corso per Addetti alla Sicurezza LASER;

 

16. Corso di Aggiornamento "Ustioni Profonde e Sostituti Cutanei" Roma, 2003;

 

17. Corso di Aggiornamento "L'informatizzazione nella Diagnostica per Immagini dell'arte e prospettive future" Roma, 2003;

 

18. Corso di aggiornamento: "Edemi degli arti inferiori" – Roma, 2003;

 

19. Corso di Aggiornamento: " I laser in dermatologia" Istituto dermopatico dell' Immacolata – IDI – IRCCS Roma, 2003;

 

20. Corso Teorico Pratico: Dermatologia Estetica e Correttiva e Tossina Botulinica organizzato dall'AIDA, Monteporzio Catone Roma, 2004;

 

21. Corso base di Colposcopia organizzato dal Policlinico Militare "Celio" di Roma, 2005;

 

22. Dermochirurgia: Ieri, Oggi, Domani organizzato dalla Società Italiana Dermatologia;

 

23. Dermatologia Chirurgica ed Oncologica, tenutosi a Roma, 2005;

 

24. Corso di Comunicazione Efficace organizzato dal Policlinico militare "Celio" di Roma e tenutosi a Roma, 2005;

 

25. Corso di Project Management organizzato dall?Università "Bocconi" Milano, Roma, 2006;

 

26. Corso di governo clinico e risk management organizzato dall'Università "Bocconi" Milano, - Roma, 2006;

 

27. Corso di Comunicazione organizzato dall'Università "Bocconi" di Milano – Roma, 2006;

 

28. Corso " Nuovi orizzonti nelle terapie anti - aging: esperienze europee a confronto" svoltosi presso Accademia L'Oreal c/o Palazzo Mignanelli – Roma, 2007;

 

29. Corso di Colposcopia: dalla diagnosi alla terapia, tenutosi a Roma presso il Policlinico militare Celio" di Roma, 2007;

 

30. Corso di Formazione in psicologia dell'Emergenza, organizzato dal Policlinico Militare "Celio" di Roma, 2007;

 

31. Corso tecnico per Ufficiali Medici sul controllo della filiera delle acqua per uso umano in operazioni. Sorveglianza igienico sull'approvvigionamento idrico in attività campali,organizzato dal Policlinico Militare "Celio" di Roma e dal Centro Studi e Ricerche di Sanità e veterinaria, tenutosi a Roma, 2007;

 

32. IV Corso di Patologia Vulvare, organizzato dal Policlinico militare "Celio" di Roma, 2008;

 

33. Corso di formazione per medici dirigenti – La Comunicazione – organizzato dalla Scuola di Direzione Aziendale dell'Università L. Bocconi Roma, 2008;

 

34. 1stInternationalMeeting "HighTechnology in Dermatology" Roma, 27-28 Marzo 2009

 

35. V Corso di Colposcopia: dalla diagnosi alla terapia Roma, Marzo 2009

 

36. VI Corso di Colposcopia: dalla diagnosi alla terapia Roma, Marzo 2010

 

37. VI Corso di Patologia Vulvare, organizzato dal Policlinico militare "Celio" di Roma, Giugno 2010;

 

38. Corso di Elettrocadigrafia di base e monitoraggio, organizzato dal Policlinico militare "Celio" di Roma, Settembre 2010

 

39. 1°Workshop Internazionale di Dermatoscopia e Gestione di pazienti con tumori cutanei, Roma Ottobre 2010

 

40. Corso di formazione per gli operatori sanitari:etica,deontologia professionale, e governante clinica, Provider Policlinico militare "Celio" di Roma, 23 Maggio al 13 Dicembre 2011

 

41. Corso di Dermoscpia" DERMOSCOPIA IN TOUR"

 

42. VII Corso di Patologia Vulvare, organizzato dal Policlinico militare "Celio" di Roma, Maggio 2011;

 

43. Corso di formazione per gli operatori sanitari:etica,deontologia professionale, e governante clinica, Provider Policlinico militare "Celio" di Roma, 23 Maggio al 13 Dicembre 2012

 

44.

 

Pubblicazioni:

 

1. S. Astorino, A. Spagnuolo, G. Bortone, A. Richetta, M. Carlesino: "Intertrigo dei piedi da Pseudomonas aeruginosa". Dermatologia Clinica n.2 95-99; 1994;

 

2. S. Astorino, A. Spagnuolo, G. Bortone: " Necrolisi epidermica tossica in paziente con broncopolmonite atipica da mycoplasma pneumonite". Atti del congresso "XIV Giornate di Dermatologia Clinica": Roma 23-25 gennaio 2003;

 

3. S. Astorino, A. Spagnuolo, G. Bortone: "Tinea pedis a tipo mocassino trattata con successo con terbinafina per via orale somministrata per una settimana". Atti del 69° congresso nazionale della Società Italiana di Dermatologia e Venereologia: Sorrento ¼ giugno 1994;

 

4. S. Astorino, A. Spagnuolo, G. Bortone: "terbinafina in applicazione topica per una settimana adoperata con successo nella tinea pedis a tipo mocassino". Atti della riunione interregionale SIDEV-CSI: Roma 16/17 settembre 1994;

 

5. Medicazione non aderente in schiuma di poliuretano e strato sottile di silicone, in un caso di "Allodinie da Ulcere microangiopatiche" delle gambe. S. Astorino, M. Fioravanti, G. Bortone, A. Spagnolo, C. Durante, C. Bruziches, D. Fergola, S. Giovanetti, P.Pasquini. Atti 2° congresso Nazionale Unificato di Dermatologia e Venereologia Genova 8 – 11 Giugno 2007;

 

6. Laser terapia palliativa di metastasi cutanee di tumore a cell. di merkel in fase terminale;

 

7. S. Astorino, G. Bortone, A. Spagnolo, S. Giovanetti, M. Fioravanti, C. Durante, P. Astorre. Atti 3° Congresso Nazionale Unificato di dermatologia e venereologia Roma 6/9 giugno 2008.

 

8. Teledermatologia: la nostra esperienza presso la telemedicina del Policlinico Militare "Celio" di Roma. S. Astorino, G. Bortone, A. Spagnolo, P.Panfili, R. Bramati. Atti 3° Congresso nazionale Unificato di Dermatologia e Venereologia Roma 6/9 giugno 2008.

 

Ha partecipato dal 1991 ad oggi a numerosi congressi e convegni, spesso in veste di relatore.

 

Membro della Società Italiana di Dermatologia e venereologia (SIDEMast);

 

Membro della Società Italiana Dermatologia Chirurgica ed Oncologica (SIDCO);

 

Membro della International Society of plastic and Aesthetic Dermatology ( ISPLAD);

 

Membro dell' American Accademy.

 

Dott. Giuseppe Bortone

Dove ci troviamo

Richiesta informazioni

Nome *
Telefono *
E-mail *
Note *

Conferma invio

La tua richiesta è stata inoltrata correttamente.
Sarai contattato nel più breve tempo possibile.
Grazie per la fiducia ed il tempo accordatoci.